Canzoni


Era un periodo brutto. Mio padre stava male. E non c’era niente che mi portava conforto.
Ho iniziato lì a scoprire come quanto sia importante aprirsi a qualcosa di infinito.


Giochi di canoe

Dedicata a mio padre


Giochi di canoe e di barca a vela
su timidi riflessi come specchi di sole
giochi di bimbi e strani saluti
di ragazzi annoiati
dalle lunghe giornate
dalle solite parole

Vuote poltrone di camera mia
poltrone vecchie in velluto chiaro
ed io seduto in questo teatro
tra case di legno e cerchi di fumo
di uno strano sapore d'amaro

Che cosa resta dopo questo giorno
che suona come musica
di note strane
dell'abisso che trovo
quando cerco un sorriso
dell'aria che respiro e di questa paura
che cosa dimmi rimane?


E' terribile amico mio
stare in bilico sul mare
e cercare l'orizzonte
e dover guardare