Canzoni

La mia città ferita

Scarica lo spartito


Andarsene per poi tornare
nella notte, nelle prime ore del giorno.
Quando è buio e tutto tace
appena accennata la luce
che già rischiara la strada
e intorno le colline.

Ti porti le cose viste
Quelle che ti hanno raccontato
le cose che hanno rattistrato
che non puoi dimenticare
Che non sai spiegare
Guardando le rovine

E poi devi tornare
a rivedere i campi
Il grano mosso dal vento
Nel fluire del canto


E torni a vedere
e vuoi stare vicino
a chi ti ha guardato col sorriso o col pianto.


Ti porti tutto il dolore
Ti porti i volti confusi
Ti porti la paura di tanti
nella città ferita
che ancora si vede
nella valle abbandonata

E porti come li guardi
nei loro occhi smarriti
che guardano lì seduti
la mia città ferita
che distante si vede
nella sera illuminata.

E poi devi tornare
a rivedere i campi
Il grano mosso dal vento
Nel fluire del canto


E torni a vedere
e vuoi stare vicino
a chi ti ha guardato col sorriso o col pianto.


Andarsene per poi tornare
nella notte, nelle prime ore del giorno
quando è buio e tutto tace
appena accennata la luce
che già rischiara la strada
e intorno le colline.